Set 15 2012

Codificato il “vino biologico” finalmente!

Category: News,Vinificazionejaco @ 14:10
vino biologico o naturale o biodinamico

produzione di vino biologico o naturale o biodinamico

Ma a che prezzo!!!…   Quante concessioni all’industria del vino, con buona pace dell’originalità del prodotto! Avrebbero potuto almeno risparmiarci i trucioli!

Anni fa anche io ero affascinato dalla produzione di un vino naturale, che conservasse intatti tutti i sapori ed i profumi del frutto di origine.  Poi, con l’esperienza e la conoscenza, ho dovuto ravvedermi e impiegare quel minimo di tecnologia per poter ottenere vini corretti e sani.

Questa la  pagina del mio sito sul Vino Biologico:   http://www.organicwine.it/it/il_vino_biologico_o_biodinamico.htm

Oggi finalmente, in seguito a svariati anni di confronti, polemiche  e sperimentazioni,  con l’entrata in vigore del Regolamento UE N° 203 del 2012 si è sancito il passaggio da “vino da uve biologicheal  vino biologico, con il quale la normativa regola le pratiche non solo in vigneto, ma sopratutto in cantina.  Si tratta di un passo cruciale e molto atteso, che dovrebbe certificare che il vino biologico è esente da artifici tecnici e da aggiunta di additivi in cantina, il più discusso dei quali (ed il minore, a mio parere) è l’aggiunta di anidride solforosa ai mosti.

Analizzando a mente fredda gli ragioni che dovrebbero portare a preferire un vino biologico, che spesso viene inteso come  “vino più buono”, oggi diversi interrogativi sorgono spontanei:

– è proprio vero che un vino certificato biologico sia più buono e più sano di un vino non biologico prodotto da uve correttamente allevate e vinificate?

– il produttore è gratificato dal maggiore impegno  necessario per produrre un vino biologico?

– pochi interventi, accorti e discreti, con sostanze di sintesi sono proprio tanto letali? Come si può intervenire altrimenti quando l’infezione è in atto? Siamo sicuri che 15 o 20 interventi all’anno con zolfo e solfato di rame siano più sani di un paio di interventi con prodotti di sintesi integrati da altrettanti interventi tradizionali con zolfo/solfato?

– come è possibile inibire i tanti lieviti e batteri negativi alla fermentazione  (che spesso caratterizzano i vini biologici)  senza l’aiuto e l’accorto impiego di anidride solforosa?

– e di conseguenza, come può considerarsi biologico un vino a cui è lecito aggiungere in cantina le seguenti sostanze?

Tab. 1 -Ingredienti, coadiuvanti e tecniche AUTORIZZATI all’uso nella Carta Europea di Vinificazione Biologica.  Tipo di trattamento da definizione in Allegato I A del Regolamento (EC) No 606/2009

Nome della sostanza, coadiuvante, tecnica Condizioni specifiche e restrizioni di cui al Reg. (EC) No 1234/2007 e Reg. (EC) No 606/2009

Additivi consentiti in vinificazione biologica

Mi pare evidente che l’impiego di questi additivi  snaturino  in modo sostanziale ogni caratteristica organolettica di qualunque uva, anche la migliore, anche se vinificata nel pieno rispetto delle sue potenzialità enologiche. A questo punto ritorna il quesito iniziale: perché produrre vino biologico?

 

Tag: , , ,


Apr 05 2008

I produttori della DOC “Terre dell’Alta Val d’Agri”

Category: Vinificazionejaco @ 12:35

immag008.jpgI Produttori di vino DOC Terre dell’Alta Val d’Agri sono presenti al Vinitaly dove riscuotono un notevole successo per il gusto naturale, autentico e originale dell loro vino.


Apr 05 2008

I VINI DI VIGGIANO IN TV

Category: Vinificazionejaco @ 12:08

immag006.jpgimmag006.jpgIntervista al Presidente del Consorzio “Terre dell’Alta Val d’Agri” Dott. Francesco Pisani


Ott 04 2007

Una vendemmia… chirurgica!

Category: Vinificazionejaco @ 11:25

30/10/2006 Vendemmia di Aglianico

Vendemmia 2007 – UNA VENDEMMIA… CHIRURGICA! Il Dottore Antonio Maria è venuto in abiti da lavoro… 

Pare che questo scorcio di settembre abbia notevolmente e positivamente influito sulla qualità dell’uva! Sicuramente in Val d’Agri la maturazione del Merlot e del Cabernet è ottimale. Ne risentirà solo la quantità.

Per l’Aglianico l’appuntamento è rimandato almeno di 20 giorni. Per quest’uva la qualità si raggiunge solo con notevolicontenimenti ed una vendemmia rinviata il più possibile, tempo permettendo. 


Set 25 2007

Che vino avremo per il 2007 ?

Category: Vinificazionejaco @ 15:04

Annata anomala, questa, con Ph che salgono nei bianchi, senza una buona componente zuccherina, e che, invece, non salgono nei rossi, dove lo zucchero non manca… tutto al contrario della normalità. Quattro mesi di siccità e caldo fuori della norma, in meridione, hanno reso questa stagione ancora più torrida di quella ben nota del 2003.

L’uva è striminzita e poco succosa – Annata eccezionale o annata da poco? Staremo a vedere.


Apr 16 2007

Benvenuti nel sito del vino biologico

Category: Vinificazionejaco @ 11:11

red wine

A quando il VERO vino biologico – organic wine???

Come si può definire un vino BIOLOGICO? per sua natura non vi è niente di più biologico della trasformazione del mosto in vino! Forse è meglio parlare di VINO NATURALE, intendendo con questo, che la vinificazione avviene solamente con l’ausilio di: uve perfettamente sane – travasi – naturale affinamento attraverso l’alternarsi naturale delle temperature. E’ sicuramente molto faticoso ed anche rischioso, ma con i costi dei supertuscan ecc, credo che solo un vino naturale ottenuto come appena detto possa giustificare prezzi tanto alti, quindi, visto che con i rezzi ci siamo, perchè non cimentarsi in questa affascinante avventura?
Forse bisogna dire che nessuno rinuncia neanche ad un chilo di uva marcia per non diminuire la sua produzione….. con uve non sane è giocoforza intervenire pesantemente in cantina e ..allora
addio al vino biologico!!!!